Risultati della ricerca

Le vostre domande – Gennaio 2019

Pubblicato da quadrifoglio on 15 gennaio 2019
| 0

Quadrifoglio Immobiliare risponde

D. Dobbiamo redigere una tabella millesimale nel nostro condominio. Quanti tipi esistono?

R. Le tabelle millesimali possono essere contrattuali, che sono quelle redatte dal costruttore dell’edificio; In caso di mancanza delle tabelle contrattuali si può decidere in assemblea condominiale; infine c’è una tabella giudiziale , quindi approvata dal giudice che servendosi di un perito , nel caso in cui l’assemblea non riesca nella decidere di costituire le tabelle facendole approvare dall’ assemblea. Le modalità e calcolo si ottengono tenendo conto del piano, orientamento, luminosità prospetto di destinazione dei singoli locali.

D. Qual è la differenza tra delibere nulle e annullabili?

R. Come delibere annullabili il legislatore (cass. sent.3/2005 n°4806) definisce tutte quelle delibere con vizi relativi alla regolare costituzione dell’assemblea, ovvero con vizi formali non regolari, procedimenti irregolari di conversazione, violazione qualificate di maggioranza etc… queste sono alcune. Sono invece delibere nulle tutte quelle delibere che possono essere impugnate in qualsiasi momento, senza alcuna scadenza e soprattutto, a differenza di quelle annullabili, non possono essere sanate, ma solo sostituite con altre delibere regolarmente votate. Ad esempio è nulla la delibera, anche se votata all’unanimità, che modifica i criteri legali delle ripartizioni delle spese.

D. Sono inquilino in uno stabile di 12 appartamenti. Hanno deciso di installare l’impianto di videosorveglianza e videocitofono. A chi spetta il costo?

R. L’installazione dell’impianto rientra tra gli interventi straordinari ed è quindi a carico del proprietario. l’inquilino, conduttore spetta invece sostenere le spese di manutenzione ordinarie.

D. A chi spetta il montaggio delle termovalvole e contabilizzatori di calore (obbligatori per legge)?

R. Il montaggio spetta al proprietario dell’immobile, che concorre anche alle spese per la sostituzione delle apparecchiature guaste Tuttavia se il danno è stato causato da un uso non corretto dell’inquilino, sarà quest’ultimo a sostenere la spesa di riparazione.

a cura di Filippo Crocè